L’OCCHIALE DA SOLE: UNA SCELTA ACCURATA.

Panorama con occhiali

Quando scegliamo un’occhiale da sole basiamo il nostro criterio di scelta principalmente sull’estetica dell’occhiale stesso.
Sebbene questo criterio sia del tutto naturale, sarebbe bene porre attenzione su tutti quei fattori che realmente caratterizzano l’occhiale da sole, ovvero le specificità dei sui filtri solari.
Vediamo in dettaglio le caratteristiche che dovrebbero avere ed i criteri di scelta:

  • Che il grado di protezione dai raggi nocivi UVA e UVB sia totale.
  • Che il colore e il grado di assorbimento della luce visibile da parte dei filtri solarI tenga conto della sensibilità personale alla luce intensa (chi hA difetti visivi è solitamente più sensibile alla luce) e dell’uso che si deve fare degli occhiali da sole
  • L’età dei portatore: Così come è indispensabile proteggere con filtri solari di qualità gli occhi dei bambini, così anche gli anziani: con l’età si riduce la percezione dei contrasto, perciò è bene adottare filtri che ne favoriscano il miglioramento.

IL GIUSTO COLORE DEI FILTRI

Riduzione dell’acuità visiva, sensazione di sforzo, mal di testa e senso di vertigine possono essere gli effetti di un colore dei filtri da sole non adatto alle proprie esigenze visive. Oltre alle valutazioni estetiche e al grado di assorbimento garantito contro i dannosi raggi UVA e UVB, al momento dell’acquisto degli occhiali è importante scegliere con attenzione il colore dei filtri che meglio risponde alla propria sensibilità individuale e all’uso che si intende fare degli occhiali.
Inoltre, anche se non si può affermare che ad ogni tipologia di difetto visivo corrisponda esattamente un colore specifico delle lenti degli occhiali da sole, andrebbe tenuto conto che:

CHI NON HA DIFETTO VISIVO (Emmetropi):

La scelta per chi non ha difetti visivi può spaziare dal marrone al verde al grigio, tenendo presente che il grigio presenta il vantaggio di ottenere una ridotta alterazione nella percezione dei colori e determina un’uguale attenuazione di tutte le lunghezze d’onda del visibile portando ad una percezione estremamente uniforme dell’ambiente.

CHI HA UN DIFETTO VISIVO (Ametropi):

MIOPI

Il colore marrone è da privilegiarsi da parte dei miope in quanto egli porta a focalizzare meglio lo spettro di luce visibile più vicina all’infrarosso.

IPERMETROPI

Il verde è il colore dell’ipermetrope poiché egli porta a focalizzare meglio lo spettro di luce visibile più vicina al l’ultravioletto.

lenti colorate

Alla luce di quanto appena detto, nella pratica quotidiana si tende a ragionare in questa maniera: i miopi dovrebbero evitare le lenti tendenti al verde, gli ipermetropi evitare le lenti tendenti al marrone.
Solitamente il grigio non è mai controindicato.

N.B. I filtri con tinte fortemente sfumate e i colori blu, giallo, rosso o fucsia non proteggono a sufficienza dalla luce solare e sono quindi da considerarsi solamente decorativi.



Daniele Corsini foto L’autore: Daniele Corsini è ottico-optometrista e collabora da oltre 15 anni con Viggi Ottici occupandosi delle misurazioni della vista, della prescrizione di lenti Zeiss iScription e progressive. E’ inoltre responsabile della parte ‘LOW VISION’ (ipovisione) specializzandosi nell’utilizzo di sistemi ingrandenti elettronici e telescopici per ipovedenti. Dal 2005 al 2010 è inoltre stato responsabile del centro di chirurgia refrattiva (LASER) presso l’Ospedale Privato Accreditato di Villa Laura, a Bologna.

Per saperne di più scrivici: info@viggiottici.com